2 you dietnewsletter
Tortino di cavolfiore al prosciutto.jpg
19/02/2018

MUFFIN DI CAVOLFIORE AL PROSCIUTTO

Ricetta per 6 muffin da 1 BLOCCO

• 250 g di cavolfiore bianco 
• 2 cucchiai di pecorino grattugiato   
• 100 g di prosciutto cotto magro, senza lattosio e senza polifosfati (tagliato sottile) 
• 2 cucchiai di pangrattato (oppure panatura senza glutine, in caso di sensibilità alla proteina) 
• Un rametto di rosmarino
• 2 uova   
• 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
• Sale e pepe

Ungere con un po' d'olio 6 stampini da muffin.
Frullare il pangrattato con gli aghi del rosmarino, versarlo negli stampini e scuotere leggermente per farlo aderire, quindi foderare gli stampini con le fettine di prosciutto cotto.
Cuocere il cavolfiore a vapore con l'apposito cestello per mezz'ora. Separare i tuorli dagli albumi.
Frullare il cavolfiore con il pecorino, i tuorli, una presa di sale e una macinata di pepe.
Montare a neve gli albumi e incorporarli delicatamente al composto, mescolando dal basso verso l'alto per non smontarli.
Versare la crema ottenuta negli stampini preparati, spolverizzate leggermente la superficie con del pangrattato al rosmarino, sistemarli in una teglia riempita con un dito abbondante di acqua e cuocere a bagnomaria in forno caldo a 180° per 30 minuti. Lasciare intiepidire, sformare e servire accompagnando ogni muffin con 100 gr di pomodorini pendolini .
Il muffin così servito si utilizza come antipasto del valore di 1 BLOCCO completo
Per un pasto di 3 BLOCCHI utilizzare 2 muffin + un’insalata di lattuga o radicchio rosso condita con un cucchiaino di olio e una porzione di Crackers Bilanciati al Farro EnerZona (gusto rosmarino)
(I muffin si possono surgelare e utilizzare successivamente previo scongelamento a temperatura ambiente e riscaldamento a bagnomaria o in microonde)

Continua la lettura
Glutine Celiachia e Sensivity.jpg
12/02/2018

MANGIARE BENE SENZA GLUTINE: OGGI SI PUO’

Che sia un problema di Celiachia vera e propria (diagnosticata con gli appositi test) oppure di Sensibilità al Glutine (condizione sempre più diffusa) il dover ricorrere a una dieta priva di glutine ha rappresentato per molto tempo e per tante persone una sorta di privazione del gusto della buona tavola. Del resto i grossi problemi di assorbimento dei nutrienti (nella Celiachia) e i mal di testa, la nausea, l’irritazione intestinale, la stanchezza e i dolori muscolari spesso associati alla Gluten Sensivity, non lasciavano alternative.
Se la soluzione resta inevitabilmente una dieta Gluten Free, anche solo transitoria nel caso della meno grave sensibilità, oggi l’offerta ristorativa e commerciale di prodotti adeguati  è così ampia ed articolata che è possibile organizzare dei pasti veramente “gourmet” evitando la proteina responsabile di tali disturbi.  
Innanzitutto la maggior parte dei ristoranti (e delle pizzerie) è in grado di offrire preparazioni di alto livello culinario prive di glutine.
E poi questa libertà di “gusto” è ottenibile tranquillamente nei pasti a casa, compresi quelli di chi segue la Dieta Zona, grazie a miriadi di prodotti in vendita nella grande distribuzione e nei negozi specializzati.
Chi segue la Zona è già abituato a limitare al massimo l’uso di cereali e quindi evita “naturalmente” il glutine, ma c’è da dire che anche nella scelta di spuntini oggi è possibile trovare in commercio prodotti bilanciati secondo la strategia alimentare e privi al contempo di glutine.
Siamo di fronte a prodotti di altissimo gusto, ideali per chi segue la Zona e conosce l'importanza strategica degli spuntini per mantenere l'equilibrio dei livelli degli ormoni insulina-glucagone, tenere a bada il senso di fame e raggiungere la massima efficienza metabolica, evitando al tempo l’assunzione della proteina causa dell’intolleranza

Dott. Lucio Lorusso – Specialista in Scienza dell’Alimentazione e Consulente Zona
Dott.ssa Francesca Lorusso -  SCW

Per chi vuole approfondire, soprattutto a proposito di Gluten Sensivity

Clin Nutr. 2017 Dec 26. pii: S0261-5614(17)31437-1. doi: 10.1016/j.clnu.2017.12.017. 
Long term effects of gluten-free diet in non-celiac wheat sensitivity
Tovoli F, Granito A, Negrini G, Guidetti E, Faggiano C, Bolondi L.

Continua la lettura
sven-scheuermeier-58010.jpg
08/02/2018

POST EAT_ Arrivano i Distretti del Cibo!


Nascono i Distretti del Cibo, nuovo strumento previsto dalla Legge di Bilancio 2018, per garantire nuove risorse e opportunità ai percorsi integrati di crescita e rilancio delle filiere e dei territori.
Lo stesso Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha stabilito come definirli e quali elementi distintivi devono avere.
I Distretti del Cibo sono: distretti rurali e agroalimentari di qualità già riconosciuti o da riconoscere; distretti localizzati negli spazi urbani o vicini agli stessi contraddistinti da una significativa presenza di imprenditoria agricola che si pone l’obiettivo della riqualificazione ambientale e sociale delle zone individuate; distretti caratterizzati dall’integrazione fra attività rurali e attività di prossimità; distretti biologici. 
In ottica di uno sviluppo territoriale e non limitato alle sole filiere, i nuovi Distretti devono operare attraverso programmi di progettazione integrata, avvalendosi di Piani capaci di trasformare la filiera in una vera e propria rete, con collaborazioni e legami concreti tra le varie componenti del settore. 
Saranno le Regioni e le Province autonome a riconoscere i Distretti, comunicandoli al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali presso cui è stato istituito il Registro nazionale.
A sostegno del progetto sono stati erogati 5 milioni di euro nel 2018 e 10 milioni di euro a partire dal 2019. 
Ecco le parole del viceministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Andrea Olivero 
Per consentire lo sviluppo dei nostri territori c’è ancora bisogno di compiere un salto di qualità. Con questo obiettivo abbiamo rilanciato e rafforzato l’esperienza dei Distretti, in quanto per tutelare le imprese agricole vanno costruiti rapporti più stretti nelle filiere e nei servizi capaci di guardare a tutto il territorio nel suo complesso. Mettendo insieme aziende, cittadini, associazioni e istituzioni per raggiungere obiettivi comuni.


Quella dei Distretti potrebbe diventare una nuova strada verso lo sviluppo locale e la tutela del paesaggio attraverso un approccio nuovo che interessa temi importanti quali il rapporto tra città e agricoltura, la collaborazione tra realtà agricole e di prossimità, i mercati contadini, il ruolo del turismo e l’importanza del biologico.


Per la prima volta sta prendendo forma un sostegno concreto e pianificato al Made in Italy agroalimentare? Speriamo.

Continua la lettura
Melograno foto.jpg
23/01/2018

ALIMENTI AMICI DELLA ZONA: IL MELOGRANO

La leggenda narra che il melograno fu un prodigio di Madre Natura da cui tutto ebbe origini e dove tutto andrà a finire…
Lo stesso padre della medicina, Ippocrate, ne elogiò i benefici dopo attente valutazioni che nel tempo sono state confermate dalla scienza. Chiamato così dal latino antico, il malum granatum (mela con semi) deve la sua fama alla straordinaria capacità di sopravvivere anche in habitat ostili e semidesertici.
Originario di un'area tra la Cina e l'India, nei millenni questo frutto si è adattato a tutti gli ambienti con estati calde e inverni miti come il Caucaso, le vaste aree nordamericane e il Mediterraneo.
Il melograno è un alimento antiossidante, con caratteristiche idratanti, ipotensive e vasodilatatrici.
È ricco di sali minerali importanti come manganese, potassio, zinco, rame, fosforo, oltre alle vitamine C, A, E, K e gruppo B, che ci aiutano a prevenire i malanni di stagione e rafforzare l’organismo.
Il succo di melograno può essere un ottimo post-workout perché proprio grazie agli antiossidanti contenuti nel succo degli arilli (gli acini del melograno) aiuta i muscoli a ripristinare la loro funzionalità facilitando la supercompensazione da esercizio fisico. 
Ma il vero fiore all’occhiello del melograno è la sua importante fonte di polifenoli (tra cui acido gallico e altri ellagitannini) particolarmente attivi contro i radicali liberi: il complemento ideale in una strategia alimentare Zona, bilanciata nei nutrienti e accompagnata da una quotidiana integrazione a base di antiossidanti, tra i quali ricordiamo in assoluto i polifenoli (delfinidine) contenuti nel Maqui.
Ecco perché in un programma Zona, correttamente integrato, non dovrebbe mancare mai , in una macedonia oppure come complemento di colore e sapore in un mix di verdure

Dott. Lucio Lorusso – Specialista in Scienza dell’Alimentazione e Consulente Zona
Dott.ssa Francesca Lorusso -  SCW

Per chi vuole approfondire:

J Nutr Sci. 2017 Aug 9;6:e39. doi: 10.1017/jns.2017.36. eCollection 2017.
Effect of pomegranate extract on blood pressure and anthropometry in adults: a double-blind placebo-controlled randomised clinical trial.
Stockton A, Farhat G, McDougall GJ, Al-Dujaili EAS.

Nutrients. 2017 Aug 30;9(9). pii: E958. doi: 10.3390/nu9090958.
Could Pomegranate Juice Help in the Control of Inflammatory Diseases?
Danesi F, Ferguson LR.

Continua la lettura
shutterstock_332045699-1140x445.jpg
04/01/2018

POST EAT_ I PIEDI, LA NOSTRA BILANCIA NATURALE

Anche se per molti è diventata suppellettile, supporto su cui appoggiare altro o un semplice severo e silenzioso compagno di bagno, la bilancia rimane lo strumento principe per il controllo del peso corporeo.  Il nostro miglior nemico ma anche un acuto grillo parlante.

I numeri sulla bilancia sono il modo più veloce per attivare la consapevolezza del valore di quei 2/3 numeri, ricordandoci che forse abbiamo esagerato con le trasgressioni, che stiamo trascurando la palestra o che semplicemente è davvero ora di mettersi a dieta. 

Il nostro cervello possiede già gli strumenti per capacitarsi del peso del corpo…solo che questi dati finiscono nell’inconscio.Ma i controllori del peso corporeo non si limitano al livello cerebrale. 

Secondo recenti studi svedesi pubblicati sulla rivista Pnas, oltre alla leptina (ormone rilasciato nel sangue proporzionalmente al grasso accumulato per ridurre l'appetito e aumentare il consumo energetico), anche le ossa contribuiscono a dare l’allarme e frenare l’appetito.

Per provare questa tesi, i ricercatori diretti dal fisiologo John-Olov Jansson della Sahlgrenska Akademin all'università di Goteborg, hanno zavorrato topi e ratti simulando un aumento formale di peso con capsule pari al 15% del peso corporeo oppure capsule vuote con funzione di controllo. I roditori zavorrati non avevano grasso in eccesso, quindi i livelli di allerta ormonale attraverso leptina restavano normali. Eppure i roditori con capsule pesanti mangiavano meno, fino a perdere il peso aggiunto dalla zavorra.. proprio come se loro corpo avesse una bilancia interna con cui regolarsi!

Secondo Jansson e colleghi, la bilancia si trova nelle ossa - soprattutto nei piedi - che reagiscono alla massa di cui sono gravati, rinforzandosi o indebolendosi di conseguenza.

Questo meccanismo consente di misurare il peso corporeo internamente e quasi automaticamente.

A ulteriore dimostrazione dei risultati, i ricercatori hanno provato a zavorrare topi geneticamente modificati per non evitare questa sensibilità nelle ossa, che infatti non hanno reagito al peso extra innescando un dimagrimento.

"Questo nuovo meccanismo di controllo del peso corporeo è il primo che si scopra a 23 anni da quello della leptina e potrebbe spiegare perché restando molto tempo seduti si aumenti il rischio di obesità e malattie correlate: sedere scarica le ossa dei piedi e restandoci a lungo si inganna il nostro cervello sul nostro reale peso, impedendo l'innesco dei meccanismi automatici di riduzione dell'appetito e di aumento del metabolismo che ci farebbero dimagrire" ricorda Jansson.


Non resta che trovare un modo farmacologico per attivare l'allarme della nostra bilancia corporea… o c’è chi già sostiene che basterebbe trascorrere più tempo in piedi, così che il controllo del peso sia sempre vigile.

Continua la lettura
cover-ciwf-gc17-sito-pagina-interna.jpg
17/12/2017

LA GUIDA AL CONSUMO CONSAPEVOLE DI CIWF ITALIA

Con le nostre scelte d’acquisto possiamo migliorare la vita di migliaia di animali. 

In un’Italia in cui la maggior parte degli animali è allevata intensivamente e il 97% dei cittadini consuma prodotti di origine animale (vedi Rapporto Eurispes 2017)

le scelte dei consumatori possono fare la differenza, orientando il mercato e le aziende verso sistemi di allevamento alternativi, più rispettosi del benessere animale.
La Guida al consumo consapevole di CIWF Italia cerca di supplire alla mancanza di informazioni e indicazioni chiare sul tipo di allevamento da cui provengono i prodotti animali che acquistiamo, proponendosi come uno strumento utile per leggere in modo critico e capire etichette e diciture.
Si dice che i prodotti derivati da animali non allevati intensivamente siano più costosi. Questo è in genere vero, ma se, come consiglia CIWF Italia, si dimezza il consumo di prodotti di origine animale, si possono consumare prodotti derivanti da allevamenti più rispettosi degli animali e dell’ambiente, senza spendere più del budget abituale.
L’allevamento intensivo causa gravi sofferenze agli animali, ha un forte impatto sull’ambiente (riscaldamento globale, inquinamento, riduzione della biodiversità), sulle persone più disagiate (disuguaglianza alimentare, land grabbing, malnutrizione) e anche sulla nostra salute (obesità, malattie cardiovascolari, antibiotico resistenza). Per un mondo migliore per tutti - animali, persone e ambiente – è importante che ognuno faccia la propria parte, prendendo posizione e agendo di conseguenza, con rispetto, consapevolezza e responsabilità.

Per scaricare subito la Guida al Consumo consapevole basta iscriversi QUI alla newsletter di CIWF Italia

Buona lettura!

Continua la lettura
partyfood.jpg
11/12/2017

MANUALE SALVAFESTE - Guida di sopravvivenza per godersi le feste natalizie senza perdere la forma...e il piacere!

Come ogni anno, con l’arrivo delle feste sotto l’albero spuntano i classici dilemmi alimentari.
Lasciarsi andare alle trasgressioni in tavola o imporsi una disciplina intransigente?
Come in ogni aspetto della vita, anche qui la soluzione sta in una gestione equilibrata e capace di bilanciare eccessi e controllo, per evitare di compromettere la forma fisica…ma anche il piacere del periodo più goloso!
Cene e pranzi di lavoro, feste e aperitivi in compagnia, appuntamenti canonici come Vigilia, pranzo natalizio e Cenone di Capodanno… 
Ognuna di queste occasioni può essere affrontata al meglio grazie alle strategie del nostro ormai tradizionale MANUALE SALVAFESTE: una preziosa raccolta di consigli per affrontare il Natale in totale serenità, soprattutto in tavola!

Senza mai scordare che il maggior pericolo di questo periodo non sono i pasti festivi ma soprattutto i giorni di vacanza tra una festa e l’altra, quando anche senza particolari occasioni, siamo sottoposti alle continue tentazioni degli avanzi e dei facili sgarri, come il classico panettone a colazione…

Il vero segreto è alternare giorni di libertà a “giorni di compensazione”, per mantenere l’equilibrio alimentare senza compromettere l’umore.
Ricordiamo infatti che a lungo andare anche le rinunce possono rivelarsi pericolose e portare alle abbuffate compulsive, soprattutto quando in casa siamo circondati da tentazioni.

Ecco le nostre indicazioni pratiche per i pasti dei “giorni di compensazione”, in cui cercheremo di disintossicare il corpo da grassi e carboidrati sfavorevoli, per ostacolare l’accumulo di grassi. 


22 DICEMBRE


Pranzo: bresaola o speck magro + verdure alla griglia (no patate) 


Cena: brodo magro o vegetale con frittata o omelette a parte, preferibilmente preparata con soli bianchi d’uovo. Spinaci o cicoria o biete cotte al vapore.
 


23 DICEMBRE


Pranzo: vitello/pollo/ tacchino alla piastra oppure affettato magro di pollo o tacchino + pinzimonio di verdure crude miste a piacere

Cena: passato di verdura (senza patate e legumi) + ricotta magra o fiocchi di latte


24 DICEMBRE
Pranzo: pesce bianco cotto al vapore oppure al cartoccio + cavolo broccolo o cavolfiore o cavolini di Bruxelles lessati 



25 DICEMBRE  


Cena/pranzo: yogurt magro naturale o yogurt greco (senza grassi) con frutta fresca di stagione e 2-3 noci

26 DICEMBRE


Pranzo: gamberi o mazzancolle al vapore + verdure all’agro (carote, melanzane, zucchine cotte in acqua con sale e aceto, scolate e condite con pepe).


Cena: minestrone o passato di verdure miste (no patate e legumi) + primo sale oppure caprino light + finocchi crudi o al vapore

27 DICEMBRE

Pranzo: tonno al naturale + cicoria, bieta, catalogna o scarola lessate
Cena: zuppa di verdure miste (no patate e legumi) + arrosto magro affettato + insalata verde

28 DICEMBRE


Pranzo: uova sode o strapazzate con poco latte scremato o pomodoro + fagiolini verdi al vapore
Cena: vitello/pollo/ tacchino alla piastra + pinzimonio di verdure crude miste a piacere

29 DICEMBRE


Pranzo: pesce spada oppure palombo alla griglia + spinaci o cicoria o biete cotte al vapore


Cena: passato di verdure miste (no patate e no legumi) + parmigiano
 


30 DICEMBRE


Pranzo: prosciutto cotto magro oppure crudo tipo San Daniele o Parma ben sgrassato + verdure alla griglia (no patate)


Cena: brodo magro o vegetale + carpaccio o insalata di piovra + carciofi o cavolfiori al vapore
 


31 DICEMBRE


Pranzo: insalatona con verdure cotte e crude a piacere + sgombro al naturale o ben sgocciolato

Le indicazioni di pasto sono intercambiabili e possono essere sostituite a piacere tra i diversi giorni, tenendo conto anche delle personali tradizioni di festeggiamenti (es. per chi festeggia Natale di sera, è possibile sostituire le indicazioni di cena con il pranzo)



E I CONDIMENTI?
1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva a pasto, limone o aceto, spezie o erbe aromatiche.
Limitare il sale


 
Oltre a queste indicazioni per i pasti, eccovi anche il DECALOGO SALVAFESTE


1) NON ELIMINARE LA COLAZIONE!: iniziare la giornata con il giusto equilibrio ormonale ed energetico è indispensabile per ottimizzare il metabolismo. Scegliete la frutta fresca (di stagione) con yogurt greco (0% di grassi) senza zucchero. Aggiungere 2-3 noci o 4-5 mandorle


2) SCEGLIERE PIATTI BILANCIATI: via libera alle proteine da carne bianca, pesce soprattutto azzurro (ricco di Omega 3), insalate di frutti di mare poco condite, albume d’uovo, tonno o sgombri al naturale o ben sgocciolati, ricotta, fiocchi di latte, salumi magri (bresaola, prosciutto crudo sgrassato, prosciutto cotto magro, arrosto di tacchino). Come grassi le fonti ideale sono l’olio evo, le olive e la frutta secca, senza esagerare. Tra i carboidrati, prediligere le verdure, meglio se di stagione (crude, cotte al vapore o grigliate). Evitare pasta, riso, pane e derivati, patate. Ricordiamoci che il vino è una fonte di carboidrati!


3) ATTENZIONE AI TEMPI: per raggiungere la sazietà evitando così il ricorso ai consumi di cibo senza controllo, è importante rispettare le tempistiche: non devono trascorrere più di 5 ore tra i pasti principali, eventualmente da gestire con spuntini bilanciati che assicurano un’autonomia di circa 2 ore


4) VIA LIBERA A SPEZIE ED ERBE AROMATICHE!: si tratta delle perfette alleate per regalare gusto a ogni piatto, senza alterarne l’equilibrio alimentare. Tra i classici basilico, prezzemolo, erba cipollina e le proposte più insolite come coriandolo, cerfoglio e aneto…non resta che liberare la fantasia!


5) RICORDARSI LO SPUNTINO: uno yogurt non zuccherato, un bicchiere di latte, un frutto accompagnato da un pezzetto di parmigiano o una barretta bilanciata. Nel caso in cui la cena sia consumata presto, è bene inserire uno spuntino serale da consumarsi un’ora prima di dormire per assicurare il bilanciamento ormonale anche nelle ore notturne. L’ideale è un bicchiere di latte, anche di soia.


6) BERE!BERE!BERE!: è importante assumere liquidi, anche sotto forma di infusi, tisane, caffè d’orzo, the verde. Evitare lo zucchero, eventualmente utilizzare dolcificante tipo liquido o Stevia naturale. Ricordiamoci che bere 2 bicchieroni di acqua da 500 ml a temperatura ambiente (22 gradi) nella giornata aumenta del 30% il tasso metabolico favorendo la termogenesi, cioè la capacità di produrre calore.


7) ANTIOSSIDANTI E ANTIRADICALI: nei giorni dei pasti più abbondanti aumentiamo la presenza di antiossidanti e antiradicali liberi: Vitamine A (zucca, carote, vegetali a foglia verde), C (agrumi e kiwi) ed  E, Selenio, Licopene (presente nel pomodoro), Resveratrolo (presente nella buccia dell’uva nera), Catechine (presenti nel the verde) ecc. 
L’assunzione può essere assicurata anche con l’utilizzo di integratori.


8) ATTIVITA’ FISICA: approfittiamo del tempo libero per fare qualche camminata, all’aperto. Bastano 20-30 minuti al giorno per tenere attivo il metabolismo.


9) LONTANO DAL PALATO, LONTANO DAL CUORE: nei giorni tra una festa e l’altra, limitiamo al massimo la presenza in casa dei cibi sfavorevoli, che possono rappresentare delle tentazioni. Il segreto è limitare le quantità cucinate o liberarsi degli avanzi distribuendoli ad amici e parenti, evitando così anche lo spreco di cibo.


10) UN PICCOLO AIUTINO per chi vuole “limitare i danni” è consigliabile l’utilizzo di un prodotto che rallenti l’assorbimento di grassi e zuccheri tipo LIBRAMED di Aboca (3 compresse oppure 1 busta granulare da assumere con un bicchiere grande di acqua appena prima dei pasti “fuori controllo”).


E adesso che siete sani&salvi…non resta che augurarvi BUONE FESTE!

Continua la lettura
Orari dei pasti 1.jpg
10/12/2017

DIETA E ORARI: dimmi quando mangi e ti dirò se sei in forma…

Parliamo spesso di quantità e qualità degli alimenti, eppure c’è un’altra variabile importante nella formula del benessere, e dimagrimento. Ok QUANTO e COSA…ma c’è anche il QUANDO!
Gli effetti del cibo sull’organismo cambiano in base agli orari di assunzione. L'ultima conferma arriva da Cell Metabolism che ha dimostrato come solo nutrendosi entro dodici ore al giorno si può perdere peso.
Si tratta del filone di ricerca noto come crono-nutrizione, nato dal presupposto che i ritmi circadiani non regolino solo il ciclo sonno-veglia, il rilascio di ormoni e i valori come la pressione sanguigna. Essi influiscono su metabolismo, accumulo e consumo energetico, impiego dell’insulina, attività del fegato e degli enzimi, batteri nell'intestino e addirittura l'espressione di alcuni geni delle cellule adipose, che rendono più o meno facile utilizzare il grasso di deposito. 
Trovare il giusto tempismo alimentare, tenendo conto di questi parametri, può migliorare il metabolismo e aiutarci a preservare forma fisica e salute.
Il saggio Maimonide raccomandava "una colazione da re, un pranzo da principi e una cena da contadini" … E in effetti ciò che si assume durante la mattina sembra più saziante e più facile da smaltire.
Ma è altrettanto vero che tutto dipende dai ritmi quotidiani, dalle abitudini, dal tipo di lavoro!
In questo quadro restano valide - e sempre molto attuali! - le raccomandazioni della Zona, che ci invita a non far passare più di 5 ore tra i pasti (2 se si tratta di spuntini) distribuendo i blocchi giornalieri secondo queste indicazioni e in base alla propria routine, per garantire il bilanciamento ormonale tra insulina e glucagone e ottimizzare il metabolismo.
 
Dott. Lucio Lorusso – Specialista in Scienza dell’Alimentazione e Consulente Zona
Dott.ssa Francesca Lorusso -  SCW

Riferimento scientifico

Cell Metab. 2017 Jul 5;26(1):267-277.e2. doi: 10.1016/j.cmet.2017.06.007.
Mice under Caloric Restriction Self-Impose a Temporal Restriction of Food Intake as Revealed by an Automated Feeder System.
Acosta-Rodríguez VA, de Groot MHM, Rijo-Ferreira F, Green CB, Takahashi JS.

Continua la lettura
Il conteggio delle calorie .jpg
26/11/2017

E SE CONTARE LE CALORIE NON BASTASSE?

L'epidemia di obesità cresce senza sosta in tutto il mondo e nessun Paese è stato in grado di invertire la tendenza.  Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, la causa è uno squilibrio energetico tra calorie introdotte e calorie consumate, ma crescenti evidenze suggeriscono che tale concetto non basta a elaborare una soluzione… Anzi! Questa tesi limitata potrebbe essere proprio uno dei motivi per cui le strategie di sanità pubblica fino ad oggi sono state così insufficienti.
Secondo un approccio alternativo, l'obesità si collega alla regolazione insulinica della produzione di grassi, ai vari percorsi metabolici dei nutrienti e alla risposta ormonale del nostro organismo. Si tratta di concetti che la Zona da tempo sostiene, cercando di non limitare più il focus al semplice conto calorico.
Quando l’alimentazione è composta da soli prodotti (spesso già pronti) ricchi di grassi e con elevato carico glicemico, poche fibre, poche proteine e assenza di micronutrienti, anche se le quantità sono ridotte, la risposta insulinemica risulta eccessiva e si creano le condizioni per lo sviluppo e il mantenimento dell'obesità. 
Senza il bilanciamento di nutrienti suggerito dalla Zona (il 40-30-30 come percentuale di carboidrati, proteine e grassi espressa in calorie), la semplice riduzione calorica causa una fase di rapida perdita di peso che non sempre è correlata al grasso accumulato ma spesso comporta anche il sacrificio di preziosa massa magra ed acqua. 
Ricordiamo che perdere qualsiasi massa diversa dal grasso può essere controproducente, perché se le abitudini alimentari non vengono equilibrate, il peso (e il grasso) ritornano. Ma non la salute e il benessere di mente e fisico.

Dott. Lucio Lorusso – Specialista in Scienza dell’Alimentazione e Consulente Zona
Dott.ssa Francesca Lorusso -  SCW

Per chi vuole approfondire

Glob Health Action 2017                                                                                                                                                                                                                Is the calorie concept a real solution to the obesity?                                                                                                                                                             Camacho S., Ruppel A.

 

Continua la lettura
filetto di pollo ai porcini.jpg
18/11/2017

FILETTO DI POLLO AI FUNGHI PORCINI

Ricetta di 3 BLOCCHI completi per una persona


• 100 g di petto di pollo, preferibilmente biologico  
• 300 g di funghi porcini 
• 1 spicchio di aglio  
• Prezzemolo tritato
• 1 cipollina bianca
• 3 cucchiaini di olio extravergine d’oliva
• Sale e pepe
 
In una padella rosolare i funghi porcini, precedentemente puliti e affettati, con 1 cucchiaino d’olio e l’aglio tritato;  condirli con il sale, il pepe e il prezzemolo tritato.
Lasciarli cuocere per  10 minuti a fiamma moderata, evitando che asciughino troppo.
In un'altra padella, rosolare con un altro cucchiaino di olio la cipolla tritata, quando inizia a prendere colore unire il petto di pollo tagliato a filetti ed aggiustare di sale.
Cuocere per 5 minuti a fiamma vivace, aggiungere i funghi cotti in precedenza,  insaporire il tutto ancora 5 minuti a fiamma dolce, aggiustare nuovamente di sale se necessario.
Servire in tavola con dell’altro prezzemolo tritato, come decorazione.

Per i 3 BLOCCHI aggiungere una porzione di cavolfiore lessato condito con sale, pepe e con l’olio rimasto.
Completare con 200 gr di mela,  insaporita con cannella e cotta al forno.
Per i 4 BLOCCHI aggiungere anche una porzione di Grissini al Sesamo EnerZona
Per i 5 BLOCCHI utilizzare il pasto di 4 BLOCCHI terminando con un dessert a scelta, vedi ricette pubblicate sul sito: per esempio il Semifreddo ai Frutti di Bosco con Formaggio Light, Mandorle e Muesli 

Continua la lettura
lavorazione_cioccolato_di_modica1_104525.jpg
02/11/2017

POST EAT_ CIOCCOLATO DI MODICA: STORIA E CURIOSITA'


Impossibile non amare il cioccolato – e tra i gusti e forme, ognuno ha le sue preferenze in merito – ma l’amore non basta perché certe specialità vanno anche tutelate e protette. Soprattutto se si tratta di tradizioni antiche e capaci di raccontare, ancora oggi, quell’universo del made in Italy che può ancora renderci unici nel mondo.
Proprio in questo periodo è al vaglio delle autorità europee la candidatura del Cioccolato di Modica al riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta (IGP).
"Abbiamo avuto già il riconoscimento italiano, potremmo fregiarci della transitorietà del marchio, ma abbiamo deciso di non farlo". Dice Antonino Scivoletto, Direttore del Consorzio Cioccolato di Modica.
Un cioccolato davvero sui generis, che condivide il metodo quasi arcaico di produzione solo con alcune aziende spagnole e con il Centro America dove è nato.
Si parte dalle sole fave di cacao (oggi dalla loro pasta amara lavorata a bagnomaria) che secondo il metodo antico vanno sottoposte a tostatura e poi passate su uno spianatoio di pietra lavica, alimentato a fuoco vivo per mantenere la temperatura sotto 40-42°.
Sul piano caldo le fave decorticate rilasciano la parte grassa, dando vita al cosiddetto liquore di cacao.
E qui viene il bello. Il maestro cioccolatiere comincia il suo antico rito aggiungendo lo zucchero in percentuale al massimo del 50%, con un processo lungo e che richiede molta pazienza.
La fusione non deve mai essere completa, ed è questo che conferisce al cioccolato la sua peculiarità. Quando lo zucchero è sciolto, si aggiungono aromi, naturali (vaniglia o cannella, più raramente il peperoncino, diffuso soprattutto in Centro America). Infine il cioccolato è fatto lentamente solidificare, arrotolato e diviso in panetti.
I panetti vengono inseriti nelle formelle – un tempo di latta, oggi fatte di policarbonati – che sono posizionate tutte su una grande spianatoia di legno per la storica famosa battitura: un movimento ritmico eseguito dal cioccolatiere per far fuoriuscire eventuali bolle d'aria.

Per chi volesse approfondire, oltre all’assaggio, la meta ideale è il Museo del Cioccolato di Modica dove sono conservati ancora gli antichi strumenti di produzione.
Ma a proposito di storia, ricordiamo che questo cioccolato è nato nel 1747, come testimoniano i documenti dal grande archivio della famiglia Grimaldi (a quanto pare grande amante del cioccolato).
Dalle stesse fonti si evince come "Nel 1753 erano prodotti cioccolati all'ambra grigia e al muschio bianco".
Ma specifichiamo. Nel primo caso si trattava del cosiddetto “vomito di balena cristallizzato” (…): un prodotto animale depositato periodicamente sulle spiagge e oggi utilizzato solo in profumeria. Il Muschio Bianco era invece "la ghiandola del cervo muschiato", esemplare quasi estinto. Le ghiandole servivano a delimitare il territorio o attirare la femmina nella stagione dell'amore. Secondo alcuni studi, potrebbero essere state utilizzate come afrodisiaci. Una variante del famoso peperoncino, insomma.

Continua la lettura
Semifreddo ai frutti di bosco.jpg
27/10/2017

SEMIFREDDO AI FRUTTI DI BOSCO CON FORMAGGIO LIGHT, MANDORLE E MUESLI

L’idea giusta per completare un pranzo o una cena perfettamente in Zona? Un dessert gustoso, leggero e bilanciato, preparato utilizzando EnerZona Muesli Ricco e frutti di bosco ricchi di antiossidanti.

Ingredienti per sei porzioni di dessert di 1 BLOCCO completo

• 350 gr di formaggio fresco spalmabile a basso contenuto di grassi     
• 15 mandorle       
• 300 g di fragole 
• 100 g di more e mirtilli   
• 3 cucchiai di fruttosio (meglio se ridotto a velo)
• 3 cucchiai  di Muesli Ricco EnerZona (bilanciato in proteine, carboidrati e grassi ) 
 
Tritare finemente le mandorle lasciandone 6 intere
Pulire e lavare le fragole, tenendone 6 da parte per la decorazione di servizio. Frullare le altre riducendole in purea. Mettere il composto in freezer per circa 40 minuti.
In una ciotola lavorare la crema di formaggio light con il fruttosio. 
 A questo punto prendere 6  coppette da dessert e preparare il fondo distribuendo  1/3 delle mandorle tritate mescolate a un cucchiaio di Muesli Ricco EnerZona
Aggiungere metà della crema di formaggio, la purea di fragole, ancora 1/3 di mandorle con un secondo cucchiaio di Muesli  
Terminare con la crema rimasta, decorando con il resto delle mandorle (comprese quelle intere) il muesli, le fragole tenute da parte, le more e i mirtilli
Servire subito, altrimenti riporre in freezer per una decina di minuti e servire.
Il formaggio light, addolcito con l’aggiunta del fruttosio va ad esaltare il gusto della purea di fragole e la croccantezza della miscela di mandorle e muesli.
Utilizzare una porzione come spuntino oppure come dessert, calcolando opportunamente in funzione del numero di blocchi del proprio pasto
Assieme a 4 biscotti frollini bilanciati EnerZona (all’avena o al cioccolato) diventa una colazione in Zona di 2 BLOCCHI

Continua la lettura